mercoledì, marzo 26, 2008

Rito della benedizione dei figli chiesta dai padri


Sabato, 12 APRILE, ore 19.00,
Santuario Madonna della Neve - Adro (BS)


“IL RITO DELLA BENEDIZIONE DEI FIGLI CHIESTA DAI PADRI”

Introduce Armando Ermini
Celebra padre Gino Toppan


Il “RITO” è proposto ed organizzato da “Lista per il padre”, Claudio Risé e "Maschi Selvatici"

Il rito è il gesto, concreto ed insieme fortemente simbolico, attraverso il quale noi padri riconosciamo che il valore della paternità è responsabilità affettiva ed educativa, che deriva il proprio senso originario dalla paternità di Dio, a Cui tutte le creature appartengono e dal Quale ci vengono affidate.
UNA RISPOSTA/PROPOSTA ALLA CULTURA CONTRO I PADRI E I FIGLI

Da decenni ormai si assiste in tutto l’Occidente ad un progressivo occultamento e negazione del ruolo del padre nella famiglia. I motivi di questo fenomeno sono vari e diversificati, ma fanno comunque capo a due processi fondamentali: 1) la progressiva secolarizzazione della nostra società; 2) il conseguente indebolimento di strutture sociali come la famiglia, fondate su un ordine simbolico trascendente, e sulla pratica del dono.
Recentemente questo attacco al padre (e quindi alla famiglia tradizionale intesa come padre-madre-figli) ha raggiunto livelli di inaudita violenza.
Qualche mese fa sui muri e sui mezzi pubblici di Brescia, a firma degli Assessorati “Pari Opportunità” di Comune e Provincia e di alcune sigle sindacali, sono apparsi manifesti scabrosi e pericolosi sul piano della comunicazione e della formazione psicologica delle nuove generazioni. Uno, ad esempio, ritraeva una ragazzina con l’occhio pesto e la scritta “Gli occhi neri sono di suo padre”; un altro ritraeva un bambino che si appresta a picchiare una bambina e la scritta “Lo fa anche papà”.
Qualche settimana fa sul settimanale Donna Moderna, nell’ambito di una campagna di sensibilizzazione sulla violenza contro le donne, è stata pubblicata (e poi ripresa da altri giornali, anche quotidiani) una foto di Oliviero Toscani che ritrae un bambino e una bambina, nudi e a volto scoperto (!), con la scritta sotto di lui “carnefice” e sotto di lei “vittima”. Così facendo si stigmatizzano i generi predestinandoli e polarizzandoli attorno a qualità negative, invece che lasciarli aperti alla ricchezza infinita delle loro intrinseche diversità, compiendo un'operazione ideologica discriminante e razzista
Siamo convinti, come uomini e padri, che non sia ulteriormente tollerabile un tale scempio sacrilego della dignità della persona umana, maschio o femmina, adulto o bambino che sia. Nel nome della lotta ad una violenza se ne commettono molte altre, subdole e pericolose sul piano dell’identificazione dei piccoli e della relazione tra i generi.
Abbiamo scritto alle redazioni di giornali e riviste, a volte ottenendo di essere pubblicati, altre volte no.
A questo punto abbiamo deciso di “manifestare” le nostre convinzioni in un modo che ci appartiene più in profondità, cioè attraverso azioni concrete e proposte positive. Il nostro obiettivo è quello di testimoniare che la paternità è vocazione e dono, iniziazione dei figli al mondo e al sacro, custode dei valori della vita (a cominciare dal diritto di nascere) e dell’integrità della famiglia, mediazione affettiva e culturale fra tradizione e innovazione, trasmissione nella società di energia e creatività costruttive e trasformatrici.

Fonte: [MaschiSelvatici]

Nessun commento: