sabato, maggio 20, 2006

Per la libertà educativa

Questo blog promuove la libertà educativa.

"I proclaim publicly that I favor ending government involvement in education".

I don't want . . .

venerdì, maggio 12, 2006

Il Selvatico. Il padre. Il dono

I contenuti del libro In questo libro, costituito da tre contributi, più un’intervista, di Claudio Risé, sono indicate alcune vie di rigenerazione dell’identità maschile, richiesta con urgenza da molteplici fenomeni psicologici e sociali. L’autore presenta in questa prospettiva i percorsi suggeriti dall’archetipo del Selvatico agli uomini del terzo millennio, la relazione tra l’identità maschile e la figura di Cristo, la simbolica della relazione maschile che si esprime attraverso il dono di sé. Risultato finale è il recupero dell’esperienza della generazione, e della paternità (anche simboliche), come destino di sviluppo, amore e responsabilità di ogni uomo.

sabato, maggio 06, 2006

6 maggio 1976 - 6 maggio 2006

...la vita continua
«Dopo aver conosciuto questo popolo, la mia preghiera è elementare: se sei un uomo, sentiti friulano, almeno in una goccia del tuo sangue» (Giovanni Arpino)

Maggio 1976 giorno per giorno.

venerdì, maggio 05, 2006

Sky 113

Dal 21 maggio su Sky parte FX, il canale interamente dedicato ad un target maschile.
Con scarse speranze, attendiamo di vedere se sarà qualcosa di più di una versione televisiva delle riviste patinate per uomini.

giovedì, maggio 04, 2006

martedì, maggio 02, 2006

Sanità americana: la realtà oltre il mito

Sul sistema sanitario Usa circolano in Europa "leggende nere", peraltro alimentate anche da serie televisive prodotte oltreoceano e orientate politicamente.
GeorgeWalker in questo preciso articolo ci spiega come stanno le cose.

lunedì, maggio 01, 2006

Letizia e i comunisti (di nome e di fatto)


Il linciaggio subito il 25 aprile scorso e in data odierna da Letizia Moratti, autrice della migliore riforma della scuola italiana che sia mai stata scritta, ed ottima candidata alla carica di Sindaco per la città di Milano, è la migliore spiegazione del perché non sarò mai di sinistra.
E non parlo degli spintoni, delle grida, degli striscioni dei facinorosi.
Ma della cultura politica che li ispira, di gente come Ferrante, candidato sindaco dell'Unione, che insulta Letizia Moratti dicendo che non si sono «mai visti i padroni sfilare con i lavoratori».
Questa è la cultura politica, la cultura del lavoro, della sinistra (moderata, credo...) italiana. La cultura che farà perdere le elezioni a Ferrante a Milano, e che non farà mai vincere la sinistra al Nord.
Le accuse di "provocare" rivolte a Letizia Moratti dai registi della strumentalizzazione suprema, che per il giorno della festa del lavoro hanno preparato gli striscioni "Ferrante Sindaco", sarebbero degne di una divertente commedia, non fosse che c'è poco da stare allegri per il futuro di questo paese.
Un paese che si ritrova ad avere un presidente della camera comunista, un paese in cui le cosiddette "feste nazionali" del 25 aprile e del 1 maggio, ogni santo anno che Dio ci manda in terra, costringono ad assistere alle violenze comuniste. "Feste" che, dunque, non hanno più alcun senso, le feste di una parte politica.
Un paese che, temiamo, non sarà mai unito, ma se un giorno lo sarà, accadrà per la dignità e la compostezza di persone come Letizia Moratti, e non certo per l'opera di chi ha vinto le elezioni dicendo di organizzare la felicità. Per tutti, nell'unione. Dovranno però usare le manette, per farci entrare nell'unione dei cialtroni. Venirci a prendere, casa per casa. Prepariamoci ;-) .